Tappeto erboso in placche o in rotolo

 

tappeto erboso 3

 

Esistono due sistemi per avere un bel prato:

  1. Seminare graminacee scelte a seconda del tipo di terreno e della quantità d’ombra, su di un terreno ben lavorato
  2. Mettere in posa un tappeto erboso già pronto, costituito da placche o pannelli, sul terreno preparato in precedenza.

Il secondo metodo del tappeto erboso è senza ombra di dubbio più costoso del primo, ma ha vari vantaggi; innanzi tutto è la soluzione più rapida con effetto finale immediato e quella con migliori garanzie di riuscita, e al giorno d’oggi esistono molti vivaisti specializzati nella produzione di vari tipi di tappeto erboso e una maggiore scelta di prezzo.

Il prato in zolla non ha bisogno infatti delle assidue cure richieste dalle giovani piantine (annaffiature delicate e costanti, concimazioni frazionate, diserbi, risemine in caso di forti piogge che spostano i semi). il nuovo tappeto erboso è pronto per essere calpestato in una quindicina di giorni.

 

La preparazione del terreno

 

E`molto importante potersi organizzare in modo da procedere alla posa del prato in zolla entro le 48 ore successive alla consegna. All’arrivo del camion dovete prestare attenzione che lo spessore del tappeto erboso in rotolo (migliore di quello in placche) abbia uno spessore uniforme e che sia umido sulle superfici interne. Anche il tappeto erboso in placche, come quello in rotolo, ha sempre una forma rettangolare.

Il terreno destinato a ricevere la posa, deve essere completamente rivoltato con la vanga ( nelle piccole estensioni) e con mezzi meccanici sulle superfici più grandi con una profondità di 10 o 15 cm. Questa zappatura deve essere fatta possibilmente all’inizio dell’inverno o comunque due mesi prima di ricevere il tappeto erboso. Poco tempo prima della messa in opera si deve procedere all’erpicatura e ad un passaggio con il rastrello molto accurato. Tutti i sassi di una certa dimensione devono essere tolti e le zolle di terra frantumate finemente. Sempre prima della collocazione del tappeto erboso, si devono estirpare le radici e radichette delle specie perenni (convolvolo, gramigna etc.) eventualmente usando un diserbante a base di glifosate. Lasciate quindi riposare la terra per alcuni giorni e approfittate per somministrare un fertilizzante seguendo i consigli però della ditta che vi fornirà il prato in zolla (anche per quanto riguarda l’eventuale diserbante).

Vedi Anche  Taglio prato

 

La messa in opera

 

  • Si parte dal tracciare una linea dritta e si colloca come un lastricato di pietre.
  • I pannelli di tappeto erboso vanno accostati gli uni agli altri il più possibile senza sovrapposizioni;
  • Camminare durante la messa in opera su delle tavole di legno per non rovinare il terreno preparato;
  • Sarà comunque necessario comprimere qualche pannello, fatelo con una tavola di legno con un manico (tipo un americana o mazzuola piatta) per evitare il formarsi delle bolle d’aria sotto il tappeto erboso;
  • Dopo la posa del prato in zolla, passare un rullo pesante a mano su tutta la superficie.
  • I pannelli rettangolari (tappeto erboso in placche) o i rotoli di erba si tagliano con un taglierino o con forbici robuste.

 

Le rifiniture

 

  • Spandere un po’ di terriccio lungo le giunture e con una scopa infilarlo negli interstizi tra un pannello e l’altro.
  • Se collocate il tappeto erboso alla fine della primavera o in estate, bisogna innaffiare abbondantemente prima della posa per evitare il disseccamento interno del terreno troppo rapido.
  • L’innaffiatura vera e propria dovrà cominciare una settimana dopo la posa.
  • Quando il tappeto erboso ha radicato, aerarlo periodicamente, passando con un rullo aeratore come si farebbe anche con il prato seminato.

Tutte queste informazioni è ovvio che sono rivolte a specialisti della terra, soprattutto quando si parla di grandi spazi e dimensioni da mettere a prato in zolle. Potete comunque accordavi con una ditta che organizzi sia un sopralluogo, che la preparazione e la messa in opera del tappeto erboso in placche o in rotolo, una ditta che abbia i suoi macchinari e il suo personale e possa garantirvi un risultato. Potete anche consultare per il mantenimento e per altri consigli a proposito di giardinaggio l’articolo Taglio del prato.

Vedi Anche  Parassiti e malattie del prato

E-garden il vostro sito di giardinaggio!